Solo Andata, CGS & Erri De Luca video teaser

Dopo il grande successo di ‎Solo Andata, che è valso il premio Arte e Diritti Umani 2014 di Amnesty International e la segnalazione del The Guardian che inserisce il brano nella playlist delle migliori canzoni folk/world, Il Canzoniere Grecanico Salentino ed Erri De Luca tornano a collaborare in teatro con uno spettacolo originale in cui tradizione e mito, storie vecchie e nuove convergono in un unico racconto, radicato ai luoghi e agli eventi del presente, scandito dal ritmo del connubio tra la musica e la danza del Canzoniere, e l’inconfondibile parola dello scrittore e giornalista partenopeo.

www.ponderosa.it
www.canzonieregrecanicosalentino.net

BLOGFOOLK PREMIA IL CANZONIERE GRECANICO SALENTINO

 

Il 5 febbraio 2016, durante la prima serata di “iWorld. Rassegna di Musiche Attuali” organizzata da iCompany in collaborazione con Blogfoolk, il Canzoniere Grecanico Salentino ritirerà “Blogfoolk Choice – M.E.I. – Meeting delle Etichette Indipendenti” per “Quaranta”, miglior disco world del 2015, selezionato dalla redazione del magazine online tra i dodici album del mese proposti lo scorso anno. L’album della storica formazione salentina è il segno di una storia che abbraccia passato e presente della musica salentina, in omaggio a Rina Durante, che fondò il CGS nel 1975, e a chi era al suo fianco nel portare all’attenzione le espressioni tradizionali locali. Non solo, perché “Quaranta” è il segno di chi la traccia dei padri, in senso letterale e figurato, l’ha seguita, cantando il male di vivere contemporaneo con suoni antichi, senza passatismi non scordando la tecnologia del XXI secolo. “Quaranta” è dialogo con autori come Erri De Luca, con musicisti quali Ludovico Einaudi e Piers Faccini, con un produttore internazionale del calibro di Ian Brennan; è coscienza di una cifra artistica di tradizione contemporanea da parte di un ensemble che annovera nell’organico alcuni tra i migliori musicisti pugliesi. “Quaranta” non è autocelebrazione, è andare avanti. Se n’è accorta la stampa mainstream anglo-americana, e anche la nostra, se ne sono accorti i pubblici dei palcoscenici world, dove il CGC ha portato il Salento, mostrando capacità di stare in scena, di fare spettacolo, arte nella quale, purtroppo, gli artisti trad italiani non sempre primeggiano. Lo hanno compreso i critici della Trans Global World Music Chart e quelli di riviste prestigiose di settore come le britanniche “fRoots” e “Songlines”, dove giornalisti non di primo pelo che hanno riconosciuto che il CGS è la punta del fertile tessuto musicale del Salento.

 

to/news/blogfoolk-premia-il-canzoniere-grecanico-salentino-31604/” target=”_blank”>READ THE ATRICLE

Blogfoolk Choice – MEI premio per il Miglior Disco di World Music

 

Venerdì 5 Febbraio all’toriumParcodellaMusicaRoma/” data-hovercard=”/ajax/hovercard/page.php?id=81412278616″>Auditorium Parco della Musica – Roma avremo l’onore di ricevere il premio Blogfoolk Choice – MEI per il Miglior Disco di World Music dell’anno. Per l’occasione ci esibiremo in un breve set ospitato all’interno della rassegna iWorld organizzata da ICompany.

 

READ THE FULL ARTICLE

“Quaranta” tra i finalisti delle Targhe Tenco, CoolClub.it intervista Mauro Durante

 

tour-lndt-2015.jpg”>tour-lndt-2015.jpg” alt=”” width=”2000″ height=”1333″ />

Dopo la “nomination” di due anni fa per “Pizzica Indiavolata”, il Canzoniere Grecanico Salentino approda nuovamente nella cinquina finale delle Targhe Tenco con Quaranta (Ponderosa Music & Arts – promosso con il sostegno di Puglia Sounds Record).   “Sono felicissimo”, sottolinea il leader Mauro Durante. “Per noi è una conferma che stiamo lavorando nella direzione giusta”.

Da quasi dieci anni hai sostituito tuo padre alla guida del Canzoniere Grecanico Salentino. Dopo alcuni cambi di formazione mi pare abbiate trovate un equilibrio che è stato apprezzato in Italia e all’estero.
Il Canzoniere è sempre stato un laboratorio, da cui sono passati tanti artisti, alcuni dei quali hanno scritto la storia della riproposta della musica popolare salentina. La guida è passata da Rina Durante a mio padre Daniele, poi a me. Sono orgoglioso di poter portare avanti questa bellissima storia. La formazione attuale del CGS è composta da quelli che secondo me sono i migliori interpreti di questa musica, in grado di coniugare la conoscenza dei linguaggi ad una sensibilità creativa imprescindibile per il gruppo: Giulio Bianco, Emanuele Licci, Massimiliano Morabito, Giancarlo Paglialunga, Silvia Perrone e Alessia Tondo.

Quante è difficile, domanda annosa, riscrivere una tradizione radicata come quella della musica popolare salentina. Cosa ispira le vostre nuove canzoni?
Non esistono ricette, ma sicuramente è fondamentale amare la musica popolare, ascoltarla fino allo sfinimento, studiarla, analizzarla, cercare di comprenderne gli aspetti fondamentali. Farsi sempre tante domande, sui testi, sulle musiche, sui contesti, perché nulla veniva cantato per caso. La musica popolare è per definizione collegata ad una funzione. Senza questa comprensione, senza capire il contesto e il significato simbolico di alcuni canti, secondo me non ha senso riproporre materiali tradizionali. Noi cerchiamo di fare nostri alcuni stili e alcune caratteristiche, quelle che costituiscono la base di un linguaggio, per poi creare il nostro. Per noi non deve esserci differenza oggi tra il materiale tradizionale che scegliamo di riproporre e le nuove composizioni, è tutto parte dello stesso racconto. Le nostre canzoni sono ispirate da quello che viviamo ogni giorno, parlano di noi, e della nostra contemporaneità. Per farlo ci serviamo di nuovi testi e musiche, nuovi arrangiamenti, o di canzoni antiche che hanno saputo trasmettere certe emozioni per secoli, e che noi riteniamo possano farlo ancora oggi con grande forza.

Quaranta celebre i 40 anni, appunto, della nascita dello storico gruppo. Tra i fondatori c’era, oltre tuo padre, anche Rina Durante. Qual è il lascito di una intellettuale come lei?
Ci lascia l’eredità di una poetica e di una brillantezza che sono ancora le nostre fondamenta. Non facciamo operazioni nostalgia, ma provando a comprendere le nostre radici cantiamo e danziamo il nostro presente. Rina ci ha insegnato questo, incitando il ritorno alla ricerca etnografica sul campo e allo stesso tempo fondando il CGS come simbolo di una rinnovata consapevolezza culturale.

Un pensiero finale per Erri De Luca con il quale avete collaborato. Rischia otto mesi di carcere per aver espresso una sua opinione. Com’è stato il vostro incontro? Quanto ha influenzato il vostro modo di scrivere?
Quello con Erri rispetto alla canzone Solo Andata è il racconto di tanti incontri. Da Gabriella Della Monaca ad Erri a mio padre, poi ad Alessandro Gassmann e ad Amnesty International. La dimostrazione del potere reale che hanno la musica e la danza di unire, di annullare le distanze. La collaborazione con Erri De Luca è come unita da un filo rosso che parte da Rina e passa da mio padre, fino a lui ed a noi. Erri è senza dubbio uno dei più grandi scrittori italiani della nostra epoca. Il processo che sta subendo è una delle pagine più vergognose della recente storia d’Italia, e il silenzio assenso di molti politici, giornalisti ed intellettuali è lo specchio della nostra realtà attuale. Erri De Luca per noi è uno stimolo inesauribile, “un’istigazione” a vivere.

to/interviste/canzoniere-grecanico-salentino-29540/” target=”_blank”>READ THE ARTICLE

RAI News24, Migranti e migrazioni in “Sola Andata” del Canzoniere Grecanico Salentino – 20.04.2015

“Quaranta”, il nuovo album del Canzoniere Grecanico Salentino che celebra quarant’anni di uno dei più importanti e riconosciuti gruppi di musica popolare italiana. Il coronamento di un percorso iniziato dal fondatore Daniele Durante nel 1975, ma anche il terzo disco di un nuovo corso impresso nel 2007 dal figlio Mauro, oggi trentenne, che da allora ha preso in mano le redini del gruppo. Quaranta è anticipato dal singolo “Sola Andata”, composto da Daniele e Mauro Durante su testo dello scrittore Erri De Luca. Un brano commovente e quanto mai attuale che affronta il tema degli immigrati che arrivano in Italia dopo lunghe e rischiose traversate via mare. Il video clip, che è valso al Canzoniere il premio Arte e diritti umani 2014 di Amnesty International Italia, è stato girato sulle coste leccesi da Alessandro Gassman e vede per la prima volta la partecipazione dello scrittore napoletano. L’intervista di Fausto Pellegrini – See more 

Da Amnesty International un premio al Canzoniere Grecanico Salentino

Schermata 2015-10-28 a 23.27.21

to-articolo” class=”wrapper block”>

todim”>
todim”>
todim”>È stato assegnato nei giorni scorsi, a Pieve Emanuele, in provincia di Milano, il premio “Arte e diritti umani 2014” di Amnesty International Italia al Canzoniere Grecanico Salentino, che si è esibito anche in un concerto. Importante riconoscimento per il gruppo di musica popolare salentina che proprio l’anno prossimo celebrerà i suoi 40 anni di attività.

Il premio “Arte e diritti umani 2014”, istituito nel 2008, viene assegnato ogni anno da Amnesty International Italia a un testimonial dell’associazione che, attraverso la sua arte, ha contribuito a sensibilizzare e a mobilitare l’opinione pubblica sulle campagne in favore dei diritti umani. Negli anni scorsi, il premio è stato conferito ad Alessandro Gassmann, Giobbe Covatta, Paolo Fresu, Ivano Fossati, Antonio Pappano e ai Modena City Ramblers.

Il Canzoniere Grecanico Salentino è autore del brano “Solo andata”, tratto da una poesia di Erri De Luca, da cui Alessandro Gassmann ha diretto un suggestivo video. “Solo andata” è un brano dalla parte dei migranti e dei rifugiati, che rischiano la vita (e, purtroppo, la perdono a migliaia ogni anno) per cercare riparo e protezione, alla frontiera europea, dalla guerra, dalla fame, dalla persecuzione e dalla tortura.

Intanto il Canzoniere ha iniziato in questi giorni a provare il nuovo disco – che conterrà anche il brano “Solo Andata” – nell’azienda agricola La Cornula a Nardò. Il disco avrà un titolo legato ai riti e alle credenze dei contadini.

todim”>
todim”>
todim”>
todim”>

Al CGS Il premio Arte e Diritti Umani 2014 di Amnesty International

Solo Andata

AL CGS IL PREMIO “ARTE E DIRITTI UMANI 2014” DI AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA

ll premio, istituito nel 2008, viene assegnato ogni anno da Amnesty International Italia a un testimonial dell’associazione che, attraverso la sua arte, ha contribuito a sensibilizzare e a mobilitare l’opinione pubblica sulle campagne in favore dei diritti umani.

Il CGS è autore del brano “Solo andata”, tratto da una poesia di Erri De Luca e del quale Alessandro Gassmann ha diretto un suggestivo video.

“Solo andata” è un brano dalla parte dei migranti e dei rifugiati, che rischiano la vita (e, purtroppo, la perdono a migliaia ogni anno) per cercare riparo e protezione, alla frontiera europea, dalla guerra, dalla fame, dalla persecuzione e dalla tortura.

La premiazione avrà luogo la sera del 26 settembre a Pieve Emanuele (provincia di Milano) in apertura del concerto del Canzoniere Grecanico Salentino.

AMNESTY INTERNATIONAL

ART AND HUMAN RIGHTS AWARD